sabato 19 marzo 2016

Intervista all'autore: Valentina Cebeni

INTERVISTA ALL'AUTORE: VALENTINA CEBENI, AUTRICE DI "LA RICETTA SEGRETA PER UN SOGNO"
 
-Ciao Valentina. Innanzitutto ti porgo i miei complimenti per il tuo bellissimo libro edito con Garzanti

 -Ciao,Letizia,grazie per la calorosa accoglienza, e grazie per apprezzare la storia di Elettra.

-Come è nata la tua passione per la scrittura?

 -E' difficile tracciare un cerchio intorno alla data esatta; direi piuttosto che è una passione che mi accompagna sin da quando sono bambina, anche se è ''scoppiata'' solo dopo aver terminato il liceo, nel pieno della mia fase più buia.

-Quali titoli di studio hai conseguito?

-Ho completato il ciclo di studi classici, rivolgendo un'attenzione particolare alle discipline umanistiche e in particolare alle letterature straniere.
-Sei un appassionata di libri. Qual'è il tuo genere preferito e ci sono autori che ti ispirano particolarmente? Quali?
-Chiunque abbia una passione per le storie prima di iniziare a scriverle,a mio avviso,deve leggerne molte, e non fermarsi ma. Per rispondere alla tua domanda,quindi,posso dire di non avere un genere preferito, mi piace molto spaziare,giocare con storie completamente differenti fra loro, da quella romantica al thriller, e nel mio percorso di lettrice posso dire di aver incontrato molti autori che mi sono stati e sono d'ispirazione, a partire dai padri della letteratura, in particolare quella russa, ad autori contemporanei come ad esempio J.Harris, che adoro.
-Cosa vuoi che i lettori percepiscano leggendo il tuo libro?
-Che la ricetta per la felicità è unica per ognuno di noi,am il procedimento per realizzarla è sempre lo stesso: credere fermamente nei propri obiettivi e lavorare sodo per realizzarli. Per Elettra ad esempio è stato così:lei ha fermamente creduto nell'impiortanza di ritrovare il suo passato,e non si è fermata davanti a niente. La felicità aspetta solo che le corriamo incontro.

-Quando e come nasce l'idea di scrivere un libro? Ci sono stati momenti di sconforto?
-Le idee arrivano nei momenti e nei modi più inaspettati:mentre sei alla fermata del bus, al cinema , davanti a un quadrio,sfogliando una rivista. A me succede sempre così, ed è molto emozionante sentire questo rimescolio interiore dare alla luce idee,immagini. Storie vive. Certo, durante la stesura e la fase di editing ci sono stati dei momenti complicati,ma erano dovuti più alla mia stanchezza, che al manoscritto.
 
-Sei soddisfatta di "La ricetta segreta per un sogno"?Ci sono parti che ami più del libro?
Credo che "La ricetta segreta per un sogno" sia frutto di un ottimo lavoro di squadra: io ho scritto il romanzo,ma tutte le persone che ci hanno lavorato su insieme a me l'hanno reso la storia che oggi è approdata in libreria, e di questo sono profondamente grata a tuta la Garzanti e alla mia agente. Deto ciò posso aggiungere che come ogni madre, perchè un romanzo è come un bambino,trovo che ci siano aspetti più o meno riusciti,ma guardando alla storia nella sua completezza e compiutezza mi ritengo totalmente soddisfatta. Certo,la tensione al miglioramento c'è sempre,ma bisogna anche imparare ad apprezzare i traguardi raggiunti,e guardare loro come linee di partenza per la prossima avventura. 

-Ci sono eventuali progetti che vorresti portare a termine?
Vorrei fare così tante cose,nella vita, ma sì, continuare a scrivere storie è il proposito in cima alla lista. Atturalmente sto lavorando a un nuovo progetto che come la storia di Elettra possa trovare il suo posticino nel cuore dei lettori. 

-Siamo giunti al termine dell'intervista. Ti ringrazio, e ti auguro buona fortuna di cuore,sono certa che la tua penna saprà sorpenderci ancora!

-Grazie Letizia per il tuo splendido augurio,grazie ai tuoi lettori e a tutti coloro che hanno letto o leggeranno il mio libro.. vi abbraccio!

Nessun commento:

Posta un commento